Comune di Rimini - Settore Cultura

 

Il Sindaco del rione Sanità

Eros Pagni

venerdì 19, sabato 20 febbraio 2016, ore 21 e domenica 21 ore 16 - Teatro Novelli

di Eduardo De Filippo

Il Sindaco del rione Sanità

Per cause indipendenti dalla volontà della Direzione lo spettacolo ha subito un cambio di data rispetto a quanto inizialmente comunicato


con Maria Basile Scarpetta, Federico Vanni, Gennaro Apicella, Massimo Cagnina, Angela Ciaburri, Orlando Cinque, Gino De Luca, Federica Granata, Rosario Giglio, Luca Iervolino, Cecilia Lupoli, Marco Montecatino, Gennaro Piccirillo, Pietro Tammaro
regia Marco Sciaccaluga
scene Guido Fiorato
costumi Zaira de Vincentiis
musiche Andrea Nicolini
luci Sandro Sussi
produzione Teatro Stabile di Genova, Teatro Stabile di Napoli

Premio Le Maschere del Teatro 2015 come miglior attore protagonista a Eros Pagni

 
Il Sindaco del rione Sanità

Scritta e rappresentata nel 1960, Il sindaco del Rione Sanità è una commedia che De Filippo amava definire «simbolica e non realistica», in quanto «affonda le proprie radici nella realtà, ma poi si sgancia da essa, si divinizza, per dare una precisa indicazione alla giustizia», perché «Don Antonio, il suo protagonista, è qualcosa di assai diverso da quel capo camorra che all’inizio sembrerebbe che fosse: egli è un visionario che cerca di ristabilire nel mondo un ordine andato fuori sesto».
Per Marco Sciaccaluga, regista di questa applauditissima produzione, «è una commedia complessa che mescola comico e tragico, realismo e simbolismo (anche cristologico). Un testo abitato da un protagonista, fondamentalmente ambiguo, essendo egli insieme un capo camorra e un idealista, una sorta di Robin Hood degli ignoranti; un personaggio la cui grandezza sta proprio nella capacità di mescolare il male e il bene, il positivo e il negativo, l’alto e il basso. È in questo senso che l’ho messo in scena come uno dei testi più shakespeariani di Eduardo. A me non sembra che sia tanto una commedia radicata in una ideologia, quanto una tragedia le cui autentiche radici affondano nell’esistenza umana».

Biglietti
Platea A   € 25 - Platea B e galleria   € 22    
Ridotto Platea B e galleria  € 20 - Under 29 con CultCard  € 15

Prevendite
da sabato 9 gennaio 2016 anche on line (Turno ATurno BTurno C)

Foto di Ag. Cubo

 

Per visualizzare il contenuto è necessario accettare i cookie